Le principali novità del CCNL

Il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico, siglato il 20 febbraio 2014 (con validità dall’1 luglio 2013 fino al 31 dicembre 2016), riporta alcune significative novità finalizzate a migliorare la gestione di ogni singolo rapporto di lavoro.

Per citarne alcune, oltre all’aumento dei minimi retributivi (vedi tabella) con effetto retroattivo dall’1 gennaio 2014, la modalità di godimento del riposo settimanale per i lavoratori conviventi, ad ore e per quei lavoratori professanti una fede religiosa la cui ricorrenza festiva settimanale, avviene in un giorno diverso dalla domenica.

Particolare attenzione è stata riservata anche nei confronti dell'assistenza prestata alle persone non autosufficienti. Per garantire loro un'assistenza completa (7 giorni su 7), è stata data la facoltà al datore di lavoro di assumere – a costi contenuti, inferiori a quelli in uso, – un ulteriore lavoratore con prestazioni limitate alla copertura dei giorni di riposo del lavoratore titolare dell'assistenza.

Per il testo integrale del CCNL (vedi pdf allegato presente).

Allegati

Notizie utili

  • DOCUMENTAZIONE PER ASSUNZIONI DI PERSONALE DOMESTICO

    IMPORTANTE: in caso di assunzione da effettuare, i documenti (in fotocopie, effettuate in modo che i dati personali siano leggibili), da presentare all'atto dell'iscrizione all'A.D.L.D. ....

    Leggi tutto

  • RICHIESTA ESTRATTO CONTO CONTRIBUTIVO I.N.P.S. COLLABORATORE DOMESTICO

    Gli associati, contattando l’ADLD, possono richiedere l’estratto conto contributivo INPS...

    Leggi tutto

  • IN CASO DI INFORTUNIO DEL COLLABORATORE DOMESTICO

    In caso di infortunio del collaboratore domestico durante lo svolgimento dell'attività lavorativa, il datore di lavoro, dopo aver adempiuto al dovere civico del primo soccorso, deve denunciare l’incidente direttamente all’Istituto Nazionale contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), o attraverso l’associazione datoriale di riferimento...

    Leggi tutto

  • SANZIONI PREVISTE PER IL LAVORO DOMESTICO NON DENUNCIATO ALL’INPS

    Il datore di lavoro ha l’obbligo di comunicare all'INPS l’assunzione, l’eventuale variazione delle condizioni contrattuali inizialmente concordate, e la cessazione del rapporto di lavoro domestico...

    Leggi tutto

  • IMPORTO CONTRIBUTI INPS 2017

    Coefficienti di ripartizione consultabili in formato pdf

    Leggi tutto

A.D.L.D. è il concreto supporto per la gestione del personale domestico